Rituale di primavera per le piante

E’ possibile utilizzare questo rituale di protezione ogni volta che bisogna piantare un nuovo albero in giardino, nel caso delle erbe aromatiche potete metterle tutte su un ripiano e benedirle tutte insieme, si possono benedire nello stesso modo anche le sementi

Per prima cosa è necessario preparare il terreno, una volta messa a dimora la vostra piantina e rimesso la terra a posto per tenere la pianta versate del fertilizzante diluito tutto intorno ad esso dicendo:

Io (o noi se eseguite il rituale con i componenti della vostra famiglia) do a questo albero il dono della Terra, che le sue radici possano essere forti e i suoi rami vigorosi.

 Legate un nastrino colorato a uno dei rami inferiori,( quando sarà diventato più robusto potrete appendere una campana a vento o una casetta per gli uccellini) dicendo:

Io do a questo albero il dono dell’Aria, che la sua bellezza possa crescere e che gli uccelli possano nidificare tra i suoi rami.

 Portate una candela accesa intorno all’albero (stando lontani dalla corteccia, dai rami e dalle foglie), poi spegnetela con le dita dicendo:

Io do a questo albero la protezione del Fuoco, che possa essere sempre al sicuro dal pericolo degli incendi.

 Versate dell’acqua sulle radici, sopra il fertilizzante, dicendo:

Io do a quest’albero il dono dell’Acqua, che possa vivere a lungo e non patire mai la sete.

 Abbracciate delicatamente l’albero lasciando che le vostre energie si mescolino tra di loro dicendo:

Io do a questo albero il dono di me stessa, come rappresentante della natura e dell’amore che ho per la terra.

Potete cantare, ballare o festeggiare intorno al vostro alberello lasciando che il suo spirito senta il benvenuto nella sua nuova casa in seno alla vostra famiglia.

 

Annunci

GNOCCHI DI PATATE CON SALSA DI CIPOLLE E ACCIUGHE

Condivido la ricetta sperimentata con la mia sorellina che sarò anche strega ma sono sicuramente golosa…

Ricette per la Vita

Oggi per la prima volta ho fatto gli gnocchi con Mamma e Sorellona 🙂 E’ sempre una soddisfazione preparare il cibo fatto in casa. In compagnia poi è molto meglio 🙂

  • 600 g di patate
  • 175 g di farina + lavorazione
  • 40 g di acciughe
  • 700 g di cipolle
  • 80 g di burro
  • sale-pepe-aromi vari

Preparazione

Lavate le patate e lessatele con la buccia (potete salare subito o dopo). Poi scolatele e passatele nello schiacciapatate ancora ben calde. Amalgamate alla purea la farina, lavorando il composto fino a che non diventa bello liscio e soffice. ( la quantità di farina poi è indicativo a quanto volete morbidi o più sodi gli gnocchi). Fate gli gnocchi e lasciateli riposare su un canovaccio infarinato per almeno due ore. Nel mentre potete preparare il sughetto: sbucciate e tritate finemente le cipolle, mettetele in un tegame con il burro e i filetti di acciuga…

View original post 38 altre parole

Le piante del solstizio

Il solstizio d’inverno celebra il ritorno della luce del sole che ritorna alla vita attraverso le divinità maschili legate al sole, il simbolo principiale di questa festa è la ruota che lega tutte le feste solari, i sabbat, in un perpetuo rinnovarsi di conseguenza le piante tipiche di questo giorno sono quelle dette “sempreverdi” dato che più di tutte le altre ci danno l’impressione di eterna continuità e di trasformazione perpetua. L’abete, l’agrifoglio, l’elleboro ma anche il vischio sono tutti simboli che richiamano a questo continuo divenire e vengono utilizzate per tutte le decorazioni della casa, dell’altare, dell’albero della festa, le corone bene auguranti da appendere alla porta d’ingresso, i rametti di vischio da appendere agli stipiti delle porte, regalano un caldo benvenuto a chi varca la soglia della nostra casa, augurano abbondanza, ricchezza e fertilità a ciascuno di noi, soprattutto quando sono legate ad altri simboli di ricchezza come le spezie.

Molte piante tipiche della stagione invernale, sono in realtà tossiche o velenose, per cui io non consiglio mai di usarle per preparare incensi o talismani, dato che non amo particolarmente lavorare con l’energia delle piante velenose pur riconoscendo la sua efficacia in casi di necessità, preferisco tenerle in considerazione, dato che spesso hanno fiori molto belli, per le bordure del giardino, da tenere in casa o sui davanzali o da regalare a parenti ed amici, in modo da poter sfruttare il loro potere magico di protezione o di buona sorte senza incorrere in alcun pericolo per la salute.