Tiriamo le somme

Ed anche un sospiro di sollievo! questo anno magico è giunto al termine, oggi è l’ultimo giorno della luna di dicembre ed io incredula e stupita posso dire di avercela fatta.

La partenza era andata liscia come l’olio, un articolo al giorno … fino a maggio nessun problema. Poi il predecessore di Sir Francis Drake (ebbene sì, battezzo gli oggetti) ha pensato bene di prendersi un colpo di fulmine, in senso letterale e mandare a quel paese me e le mie aspirazioni da scribacchina. Dopo avere smadonnato per un po’ ho trovato il degno sostituto, il mio fido compagno di scrittura anche se ero talmente demoralizzata che per un bel pezzo non sono riuscita a scrivere una sola parola.

A settembre mi sono detta, Ilex, stai calma, hai quattro mesi davanti e sei indietro di altri 4! Basta una buona pianificazione (sono solo due articolini al giorno) e per la fine della luna di dicembre sei in pari…

Ottobre… mi sale l’ansia… come cavolo faccio?

Novembre… PANICO!!!! Non ce la farò mai!!!!!

Dicembre. Ce la puoi fare. Sei in arretrato di 8 mesi, 8 articoli al giorno per le prossime 4 settimane e sei a cavallo!

Quello che avete appena letto è il mio delirio delle ultime settimane, perché dopo una promettente partenza, puntuale come un orologio con la luna di dicembre in cui sono riuscita a mantenere il programma, è ovviamente andato tutto storto. Un contrattempo via l’altro fino a quando la scorsa domenica mi sono resa conto che alla fine della luna mancavano solo 8 giorni. Mi sono praticamente tappata in casa e ho scritto fino a finire il programma che avevo stilato.

Soddisfatta? In parte sì.. non so se ve ne siete resi conto ma in tre settimane o poco più ho scritto qualcosa come 130 articoli (di cui diverse interviste) e posso dire che ce l’ho FATTAAAAAAA! Quello che mi rammarica un pochino è che molti argomenti sono rimasti giusto uno spunto di riflessione, spunti che sicuramente mi verranno utili in un prossimo futuro.

E adesso? Adesso mi prendo una pausa, mi faccio una tinozza di tisana alle spezie e mi svacco sul divano a fare il broccolo.

Domani? Luna nuova, strega nuova.

Io vi ringrazio per avermi seguita in questo lunghissimo viaggio durato 12 lune, vi auguro una piacevole serata e spero che la Dea sia sempre con voi. Con affetto Ilex.

P.s. Ci leggiamo domani, ma con moooooolta più calma. Baci baci

12369037_1643794429207116_8185843996981903763_n

Annunci

Un ultimo consiglio

Nella sezione dedicata al mese di dicembre abbiamo visto un sacco di modi per allontanare le energie negative, rituali, incantesimi, talismani, oli e aceti compresi; ma la cosa più importante se non volete finire nei guai (mistici) è non andare a cercarseli.

21765282_1132401860229024_2034000281461234090_n

Protezione con le gargolle

Le gargolle sono i famosi doccioni che da secoli ornano le facciate e i tetti delle più belle chiese del pianeta. Perché? Perché benché di pietra sono degli ottimi guardiani protettivi per le nostre case.

Certo mettere un doccione a grandezza naturale sul tetto potrebbe attirare decisamente l’attenzione, ma si trovano in commercio (le più abili le possono fare con la creta o la cartapesta) delle statuine, di dimensioni più ragionevoli che possiamo tenere come oggetti sul nostro altare o nei nostri tabernacoli casalinghi.

Una statua un po’ più grande in giardino invece passerà più defilata.

gargolle