Imparare ad agire

Quando affronto la tematica delle decisioni da prendere riguardo alla propria vita nel’ambito del percorso magico quando arrivo al punto riguardante azioni e reazioni vedo sempre qualche viso impallidire, questo perché per la maggior parte del tempo noi ci limitiamo a reagire agli eventi esterni anziché essere centrati e lasciare che siano gli altri o le circostanze a reagire a noi. Ho passato anni ad avere questo problema, anche perché vivendo spesso situazioni di conflitto quando c’erano discussioni o litigi per un sacco di tempo il mio umore e le mie risposte cambiavano in base al vento di qualcun altro. Poi quando ho iniziato a lavorare su me stessa piano piano questa caratteristica è andata scemando, rendendomi anche meno manipolabile dalle ingerenze altrui, non sempre è facile riuscire a restare centrati su di sé senza farsi tirare come una fune o girare come una trottolina impazzita ma un po’ per volta ci si arriva guadagnando non solo rispetto per sé stessi ma anche un diverso approccio nei confronti degli altri. Se non viviamo nella costante preoccupazione di venire aggrediti o schiacciati dalla personalità di qualcun altro la tensione inevitabilmente cala lasciandoci liberi di vivere in maniera più distesa e rilassata i rapporti con il prossimo che non sentendosi oggetto dei nostri continui sospetti istintivamente si rilassa portando allo scoperto la parte migliore di sé creando un circolo virtuoso di benessere reciproco.

Imparare ad agire significa anche prendere saldamente in mano le redini della propria vita per portarla dove noi vogliamo che vada permettendoci di realizzare appieno le nostre aspirazioni e mettendo a frutto i nostri talenti con grande soddisfazione personale e beneficio per chi ci circonda, perché sarà anche pur vero che tutti abbiamo bisogno di lavorare per vivere, ma un conto è doversi trascinare dietro una cosa che non ci gratifica minimamente un altro è fare una cosa che amiamo profondamente qualunque cosa essa sia. Questa cosa dell’azione non si riflette solo sulla vita lavorativa, anzi spesso le problematiche contingenti ci costringono a fare buon viso a cattivo gioco per il tempo necessario e a stringere i denti davanti alle difficoltà e agli imprevisti, ma ci permette di decidere in prima persona come vogliamo essere nella nostra vita, che tipo di persone, che ti tipo di amici, che tipo di compagni e in senso più generale che tipo di esseri umani. Mi rendo perfettamente conto del perché questo aspetto lasci sgomenti di primo acchito perché ci porta prepotentemente davanti agli occhi una semplice domanda: MA IO CHI SONO? Rispondere a questo apre le porte a moltissime strade portando a galla cose e sensazioni che nemmeno pensavamo di possedere in un perpetuo viaggio di ricerca e di scoperta fino al giorno in cui ci sentiamo finalmente a casa nella nostra stessa pelle.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...