Le dodici notti di Natale

Molte sono le dicerie e le tradizioni legate alle dodici notti di Natale, da chi dice che i sogni di ogni notte siano legati alle visioni profetiche per l’anno a venire a chi sostiene che ogni giorno si dovrebbe lavorare con le qualità energetiche di ogni segno zodiacale per poterle integrare al meglio e sfruttare poi nei mesi a venire…

Le dodici notti di Natale iniziano ufficialmente con l’accensione del ciocco il giorno della Vigilia e proseguono fino all’epifania, anticamente, parlo del medioevo più o meno, ci si scambiava un piccolo presente per ogni notte…

Mentre cercavo un po’ di materiale per preparare questo articolo, mi sono stupita dalla valanga di cose che ho trovato, avendo io una famiglia piuttosto eccentrica ed alternativa, non avevo mai sentito parlare di queste notti e del loro significato mistico e che nessuno mi venga a dire che sono una strega e non dovrei guardare le tradizioni di altre religioni perché come tutte le streghe solitarie prendo spunto da qualunque tradizione mi piaccia, indipendentemente da dove viene. Ho trovato libri, articoli, commenti e cose strane (nel senso di interessanti e affascinanti). La prima volta che ho sentito una cosa a riguardo delle notti che separano Natale all’Epifania è stato qualche anno fa, quando un’amica appassionata di Steiner mi raccontò della teoria dei sogni di queste particolari notti che avrebbero un significato particolare per il resto dell’anno, peccato che io non mi ricordi mai un accidenti di quello che sogno e quindi non ho la minima idea di quello che mi aspetta nei prossimi dodici mesi.

Pare che l’abitudine di festeggiare in modo speciale queste notti fosse in uso già presso i romani e che successivamente il cristianesimo abbia inglobato tale tradizione modificandola, ho trovato collegamenti con Bacco e con le sue celebrazioni, con i saturnali (che iniziavano il 17 dicembre e terminavano il 23) con la festa del sole invictus, insomma un sacco di materiale da leggere e approfondire, dato che ammetto la mia ignoranza non mi sono mai presa particolarmente la briga di studiare questo argomento….

Voi avete tradizioni familiari o regionali specifiche per queste dodici notti?

Annunci

2 pensieri su “Le dodici notti di Natale

  1. E se uno sogna un veicolo fatto di tela e legno con i motori che possono ruotare in modo da far girare le pale tipo elicottero, pensa – nel sogno – che sia stato inventato nel Giappone di inizio ‘900 e lo vede decollare da una piattaforma posta tra palazzi avvinghiati dall’edera… Tutto a colori ovviamente, cioè io il legno lo vedevo marrone e le telature erano color seppia, il cielo plumbeo ma tendenzialmente sul blu? Aiuto… che vuol dire? meno Prosecco? 😀

    Sulle tradizioni: si è sempre così, la religione o credo che sia, dominante, tenta di sostituire le proprie festività imponendole sulle altre, così che alla fine i festeggiamenti, i doni, la considerazione, vada in una direzione diversa e non si “disperda” in tanti rivoli.
    E’ un po’ come quelle aziende di auto che cercano di piazzare dall’utilitaria alla grande berlina di rappresentanza e magari fanno anche la bici fescion

    Liked by 1 persona

    • I tuoi sogni sono degni di un summit fra Jung e Freud…ma scommetto che anche il Prosecco (buono, io lo adoro) abbia avuto la sua parte nella faccenda! Per quanto riguarda le tradizioni è vero, in realtà da 2.000 e rotti anni si ricicla davvero di tutto…forse anche di più

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...