La luna della neve

…chiamarla luna della neve quest’anno mi suona quasi ridicolo! Ieri in un momento di pausa tra una commissione e un tour lavorativo mi sono concessa un caffè con delle amiche, faceva talmente caldo che più che Natale sembrava Pasqua e io abito comunque in zona prealpina mica in spiaggia!

Tant’è che questa luna di riposo e di abbandono viene chiamata in questo modo; ma anche luna del fuoco della conoscenza, luna della quercia e luna delle lunghe notti; vicinissima quest’anno al solstizio d’inverno, in realtà le notti iniziano molto lentamente ad accorciarsi e le giornate a farsi più lunghe. L’autunno ha appena dato il posto all’inverno nascente per cui anche se i giorni si faranno più lunghi il vero freddo deve ancora arrivare; io considero sempre questa luna un momento di riposo e di rinascita, un buon momento per fare il punto della situazione dell’anno appena trascorso e che sta per raggiungere la sua fine, vedere cosa ho portato a termine dei progetti che avevo in mente, dove sono arrivata con i miei buoni propositi (sigh!) e quali sono le cose che ancora mi devo sistemare, senza punizioni e urlacci, non prendete la sferza per fustigarvi se ancora non riuscite a fare una cosa o avete delle difficoltà…ricordate luna del riposo, prendetene atto, avrete tempo a primavera per scalpitare in giro piene di entusiasmo.

I colori di questa luna sono quelli che ricordano la neve, il bianco, l’azzurro cielo e l’argento, come incenso usate di preferenza quello puro, in grani e se lo desiderate potete preparare il cerchio usando dei semi di girasole che poi potrete riutilizzare per sfamare gli uccellini, tipo i pettirossi, che non migrano. Non faccio mai cose spettacolari, a nessun esbat, per me sono momenti per me stessa in compagnia dello spirito e anche una buona scusa per prendermi del tempo lontana da tutto per un oretta dato che passo le mie giornate spesso in mezzo alla gente. Una cosa che mi piace molto fare è prendere una coperta, quelle grandi, di pile, possibilmente bianca o rossa (bianco per la neve, rosso per il sangue) mettermi in posizione fetale coprirmi completamente e lasciare che il mio spirito, il mio corpo e la mia mente si chetino e riposino (un modo fine ed elegante per dire che mi regalo un pisolino) per poi rinascere alla luce della luna.

Annunci

2 pensieri su “La luna della neve

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...