Cerimonie sacre: gli sponsali

Nella nostra tradizione religiosa il matrimonio è una festa importante esattamente quanto la dedicazione e le cerimonie di grado. Non avendo noi dei luoghi di culto vi potreste domandare dove andiamo a celebrare le nostre nozze! Legalmente in comune, religiosamente o in una sala privata o in un luogo all’aperto. Essenzialmente il rituale dell’unione delle mani non differisce di molto da un comune rituale, nel senso che la preparazione è sempre la stessa: bagno di purificazione, devozione all’altare, spazio sacro, cerchio magico, apertura dei quarti e via dicendo; ma essendo un occasione speciale anche noi ci mettiamo in ghingheri e facciamo le cose in pompa magna, certo ci sono gli invitati, molti dei quali non sono pagani e vanno guidati nei vari passaggi della cerimonia. Cerimonia che raggiunge il suo apice con quello che da appunto il nome alla faccenda, la legatura, gli sposi uniscono le loro mani e la sacerdotessa le lega insieme con un nastro a simboleggiare il loro legame e il loro intento di proseguire il loro cammino nella vita come una cosa sola.

Benché sia una cerimonia importante non credo a parte le solite cose che ci sia mai stata una codificazione per la cerimonia in se stessa, si possono seguire le tradizioni di varie correnti anche se quelle Irlandesi sono molto suggestive e io le preferisco ad altre, ma nel concreto cosa vuol dire che non ci sono codici? Significa in sostanza che la cerimonia viene preparata insieme alla coppia di sposi e si può scegliere liberamente qualunque cosa, dal tipo di pantheon con cui lavorare ai vari passaggi cerimoniali che possono essere variati a seconda delle preferenze, in base alle qualità energetiche richieste per le benedizioni si sceglieranno piante e erbe di un tipo piuttosto che di un altro, in effetti questa è la parte più divertente perché ci si può sbizzarrire parecchio. Normalmente questo tipo di cerimonie non ha alcun valore legale, ecco perché regolarizziamo le unioni in modo civile a meno ché l’officiante non abbia richiesto i permessi per officiare legalmente l’unione. Per il resto è una festa come per tutti i matrimoni, c’è lo scambio dei voti, degli anelli (il famoso claddagh), ci sono i regali (anche se effettivamente molti di questi non campeggiano in cima alle liste di nozze) e il pranzo o la cena, si balla, volendo si canta, e si passa del tempo insieme per celebrare una nuova famiglia, certo noi tutto questo lo facciamo in un cerchio magico e in compagnia di qualche divinità vecchia di migliaia di anni.

Annunci

2 pensieri su “Cerimonie sacre: gli sponsali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...