Aprire un cerchio magico

Oggi tutta la giornata è stata dedicata al cerchio magico, come farlo, come disfarlo, perché, per come e per quando…lo scorso anno avevo due classi diverse del primo anno, corso principianti senza utilizzo di scopa o bacchetta ma mentre le ragazze di un corso si sono limitate al percorso base quelle dell’altro si sono fatte tutto il percorso preparatorio energetico e devo dire che le differenze di preparazione quando sono arrivate a fare il loro primo cerchio le ho notate eccome! Quelle che si sono limitate al corso base perché avevano alle spalle lavori energetici di vario genere, yoga, meditazione, reiki etc. non hanno avuto grosse difficoltà ma non sono andate oltre il classico apro cerchio, chiudo cerchio e ci sono comunque arrivate dopo un paio di mesi di lavoro e preparazione. Le altre, si sono fatte otto mesi di lavoro energetico su chakra, radicamento, meditazione e respirazione prima anche solo di pensare di fare uno spazio sacro o un cerchio magico! Non che abbia reso nemmeno questi due compiti proprio semplici per loro (le altre tutte in ambiente controllato e come dire canonico, stanza tranquilla, musica di sottofondo, incensi e candele e hanno effettuato spazio e cerchio con l’ausilio dei materiali ossia li hanno fatti fisicamente) le altre mie stelline adorate hanno fatto prima lo spazio e successivamente il cerchio in ambienti decisamente non controllabili, il loro primo spazio sacro lo hanno fatto un sabato pomeriggio nel bel mezzo del nostro parco cittadino, con i bambini che correvano e strillavano come pazzi, non avevano nessun materiale a disposizione per creare lo spazio sacro in senso fisico per cui glie’ho fatto fare mentale…fatto! Quando è stato il momento di fare il cerchio idem con patate, si sono trovate in un luogo affollato, con la musica a palla (e non era Brhams) gente che chiacchierava, rideva e strillava e una temperatura della stanza che ricordava più una ghiacciaia che un salotto accogliente con tanto di camino, anche questa volta non hanno usato niente per aiutarsi, non hanno fatto un unico cerchio, ognuna di loro ha aperto il proprio; hanno chiuso gli occhi si sono concentrate sulla loro energia (che sentono benissimo) l’hanno concentrata all’altezza dello stomaco e l’hanno fatta esplodere in una bolla! Erano talmente concentrate in questa operazione che hanno totalmente escluso ogni fonte di distrazione o fastidio che potesse disturbarle, una appena aperti gli occhi si è girata in torno e mi ha detto i colori dei cerchi delle altre (era particolarmente affascinata dai colori della mia aura tanto che era convinta avessi aperto il cerchio anch’io!) Perché vi domanderete tanta differenza tra un gruppo e l’altro? Perché sono una carogna? No, semplicemente non ho spiegato loro che di solito si usa un altro sistema ho semplicemente detto loro cosa fare e non essendo condizionate dal fatto che per fare quello che hanno fatto loro la prima volta ci vogliono anni di lavoro lo hanno semplicemente fatto. L’unica conseguenza di questo lavoro energetico è stata una gran fame terminato il processo, creare un cerchio in questo modo consuma tantissima energia per cui siamo corse a fare un super merenda.

Annunci

4 pensieri su “Aprire un cerchio magico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...