El dia de los muertos

In questi giorni mi sono dedicata particolarmente alle tradizioni Messicane per la festa del giorno dei morti che si festeggia oggi, 2 novembre, proprio come un Italia ma mi sono subito accorta dell’abissale differenza che intercorre tra i due paesi e il loro modo di vedere questa ricorrenza, in Messico questa giornata è vissuta come una vera e propria festa di famiglia, le persone vanno al cimitero per rendere omaggio ai propri cari con l’abito della festa, appena arrivati puliscono e abbelliscono le tombe con fiori colorati, calendule e crisantemi vanno per la maggiore, portano doni, dolci, pacchetti di sigari e sigarette, bottiglie di rum, cibo in abbondanza, organizzando dei veri e propri pic-nic con gli amici e la famiglia portando i piatti prediletti da coloro che sono andati a trovare, raccontano storie, aneddoti sui loro cari…una vera e propria giornata di festa alla quale tutta la comunità partecipa, mi ha lasciata dapprima perplessa leggere di questa usanza per noi così inconsueta, ma trovo comunque bello questo modo di far partecipare anche chi non c’è più ad un momento di letizia e non solo di dolore. I bambini vengono ricordati il primo novembre, mentre il 2 si ricordano gli adulti, nelle strade dei vari quartieri, le botteghe traboccano di piccoli oggetti creati appositamente per questa ricorrenza, scheletrini, ritagli di carta dai colori vivaci che vengono chiamati “papel picado” corone di fiori, croci, teschi, piatti decorati con teschi e bare o altri oggetti con simboli che rappresentano la morte, si preparano anche dei piccoli pani chiamati “animos” e che rappresentano l’anima del defunto. Una volta tornati a casa dal cimitero le famiglie allestiscono un altare con le decorazioni comprate, foto dei loro cari, fiori, piccoli teschi di zucchero con scritti i nomi dei defunti e una bella tavolata dei loro cibi preferiti, birra, tequila, cioccolato e il famoso, anche da noi, pan de muertos; il banchetto viene reso più ricco ed allettante possibile perché le famiglie si attendono una visita da parte degli spiriti dei loro cari, e desiderano preparare loro un pasto abbastanza nutriente per sostenerli nel viaggio dal mondo degli spiriti e poi ritorno, vengono preparate anche delle bacinelle di acqua e sapone con delle salviette pulite e tiepide in modo che gli spiriti si possano dare una rinfrescata dopo il viaggio prima di mettersi a tavola…per facilitare il viaggio verso casa la strada viene illuminata da molte candele e incensata con della resina di coppale, i parenti spargono petali di calendula partendo dalla soglia di casa fino all’altare allestito in modo da creare un sentiero sacro che lo spirito possa seguire.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...