Inanna, la Dea Sumera del tutto

Inanna è la più importante divinità sumerica della civiltà mesopotamica, il suo culto e i miti che la vedono coinvolta risalgono circa al 3500 a.c. ed appartengono alle culture pre-patriarcali in cui rappresentava la madre del tutto, regina della terra e del cielo, dea dell’amore, della guerra, della saggezza e della conoscenza, rappresentava ogni aspetto dell’archetipo femminile, madre, figlia, amante e guerriera e a lei si fanno ricondurre le divinità successive come Iside, Ishtar, Cibele, Brighid e molte altre che ne recuperano qualche aspetto ciascuna senza arrivare mai al suo potere pressoché assoluto sul tutto; nata come divinità del tutto, con le sue mille sfaccettature, nel corso dei secoli la sua figura è stata via via snaturata fino a diventare poco più di una mera seduttrice; le arti della sessualità erano sotto il suo influsso, ma nel tempo sono diventate la sola cosa per cui veniva ricordata. Figlia del Dio Enki, Inanna per ottenere il diritto alla sua regalità ha dovuto affrontare numerose prove, come la discesa negli inferi dovuta in quanto divinità del grano e delle messi, nella leggenda ella scese agli inferi dove ad ogni cancello dovette lasciare qualcosa per arrivarvi infine e morire per permettere alla vita di continuare…dopo tre giorni le divinità corsero in suo soccorso mandando qualcuno che la riportasse alla vita con le bevande sacre e il cibo divino, ritornata sulla Terra e al mondo dei vivi, ottenne il dominio sulla morte grazie all’immoralità acquisita nel suo viaggio; molte sono le storie e i miti di questa dea, tra le più antiche della storia dell’uomo, il grande amore per Dumuzi che prese il suo posto agli inferi per permetterle di tornare nel suo regno e che successivamente il qualità di dio della vegetazione ebbe la concessione di poter tornare a casa dalla sua amata per sei mesi l’anno, come Persefone; altri miti raccontano di come Inanna, sfruttando il suo fascino e la sua arguzia riusci ad ottenere da suo padre tutti i me’s sacri, le benedizioni divine per poterle poi donare alla gente del suo popolo…

Dea della saggezza, del destino, della guerra e delle arti, madre e donna indipendente, regina, divinità, amante e donna spietata, Inanna ha rappresentato praticamente ogni sfaccettatura dell’essere femminile, nel corso dei secoli i miti sono cambiati ma la sua figura è rimasta centrale per tutto il mondo antico, difficile oggi farne un quadro preciso, se un mito la dipinge come una donna saggia l’altro la riduce a poco più di una meretrice, figura estremamente complessa ed interessante, insieme alla figura della sorella Ereshkigal dea dell’oscurità e della morte rappresenta il perfetto equilibrio del nostro concetto di dualità in cui sia le ombre che la luce sono necessarie per mantenere l’ordine cosmico; templi a lei dedicati si trovavano nelle antiche città di Uruk, di Zabala e in Babilonia.

Annunci

2 pensieri su “Inanna, la Dea Sumera del tutto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...