Mabon, equinozio d’autunno

L’equinozio non è soltanto una festa magica ma un vero fenomeno astrologico in cui il tempo rimane come sospeso per tre giorni, cosa che ha portato in molte leggende riguardanti questo periodo al rapimento di parecchie divinità solari per lo stesso lasso di tempo, il sole resta nella stessa posizione per poi passare dall’emisfero boreale a quello australe iniziando in questo modo il nostro semestre nel mondo delle ombre, è un vero passaggio iniziatico in cui siamo noi stessi a passare dal mondo esterno a quello interno, ritornando alla ricerca della nostra luce interiore e scoprendo nella nostra ricerca nuovi tesori che porteremo nel mondo con le feste primaverili che segneranno il ritorno della luce. I celti chiamano questa festa “Alban Elued” luce dell’acqua, infatti con le celebrazioni di Mabon lasciamo il tempo del fuoco per entrare nel regno dei morti e del’inconscio legati proprio a questo elemento. E’ un tempo di introspezione, in cui ci prepariamo a lasciare andare le nostre catene a Samhain, per poi rinascere a Yule, nella stregoneria tutte le feste sono legate dalla ruota della vita, in cui ogni momento è una preparazione per la festa successiva, dal punto di vista fisico questa festa porta con se le tempeste equinoziali, il cambio di temperatura, i continui sbalzi termici, la graduale perdita di luce, dei nostri ritmi vitali, la fine delle vacanze e la ripresa delle normali attività della vita quotidiana, che riguardino gli impegni scolastici o quelli lavorativi, siamo tutti consapevoli dei cambiamenti che dobbiamo affrontare; essendo un periodo fisicamente molto difficile per quanto possibile è utile prendersi qualche attimo di riposo e goderci le belle giornate che ancora ci sono facendo qualche passeggiata nella natura, cercando di non affaticarci eccessivamente con attività troppo impegnative, se ne abbiamo l’occasione per riprenderci dalle fatiche delle vacanze estive prendiamoci qualche giorno di assoluto riposo per prepararci all’inverno, magari regalandoci una fuga di qualche giorno… anche l’alimentazione cambia con l’inizio dell’autunno e questo è il periodo adatto per preparare le conserve con i frutti del raccolto dei prodotti stagionali, Mabon come tutte le feste pagane è un momento di celebrazione e di ringraziamento per la terra e tutti i suoi doni, sono feste legate alle popolazioni agricole e contadine, in cui un buon raccolto faceva la differenza tra la sopravvivenza della propria famiglia oppure no; oggi ci siamo allontanati da questa cultura così legata alla terra, troviamo nei negozi prodotti anche fuori stagione benché la comodità di trovare qualunque tipo di merce in ogni momento dell’anno sia innegabile, spesso questa cosa ci porta a dimenticare che in ogni parte del mondo ci sono persone che gli ortaggi che noi acquistiamo li hanno coltivati e raccolti per noi, quindi un minuto di raccoglimento per ringraziare le persone che ci danno sostentamento con il loro lavoro è forse il significato più importante di questa festa. Approfittiamo anche delle celebrazioni di questa festa per ringraziare di tutte le esperienze che abbiamo vissuto nell’anno trascorso, per quanto difficili o gioiose esse siano state ci sono servite per diventare le persone che siamo diventate nell’arco dei dodici mesi appena trascorsi; molti pensano che celebrare una festa pagana sia complicato, tra spazi sacri, cerchi magici e antiche divinità non si sa bene come comportarsi ma basta poco, accendete una candela, ringraziate gli spiriti per le vostre benedizioni, organizzate una cena con i vostri amici più cari e festeggiate…benedizioni

Annunci

2 pensieri su “Mabon, equinozio d’autunno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...