Attraversando il regno di Svadhisthana

Continuiamo la nostra scalata nel mondo dei chakras, quando sono in equilibrio possono davvero regalarci gioie a non finire, ma quando sono in disarmonia per eccesso o per difetto diventano realmente i peggiori nemici della realizzazione dei nostri sogni. Questa sera riprendo in maniera più approfondita Svadhisthana, il secondo chakra, regno delle emozioni e della sensualità; qui vengono conservate le memorie emozionali del nostro vissuto relazionale, quando è in equilibrio le nostre emozioni sono libere di esprimersi senza difficoltà, riusciamo facilmente ad entrare in intimità con il prossimo senza cadere nella paura di essere abbandonati o al contrario invasi.

Dopo aver conosciuto la stabilità del primo chakra e scoperto il nostro centro interiore possiamo iniziare a salire verso l’alto. Non appena ci muoviamo, prestando attenzione ci possiamo rendere conto che il semplice fatto di avere effettuato un cambiamento diviene uno stimolo per una maggiore consapevolezza. Il cambiamento ci aiuta a risvegliare i sensi, ad esplorare le nostre emozioni e ad imparare a riconoscere paure e desideri. L’aspetto significativo di svadhisthana è la trasformazione.

Gli strati del secondo chakra:

  • Nello strato mentale del secondo chakra troviamo i sogni, le aspettative e le illusioni che riguardano i sentimenti e l’unione con gli altri, principalmente con il partner… ovvero sogni dolcissimi irrobustiti dal mito dell’amore romantico.
  • Le strategie proprie di questo chakra sono: amputare i sentimenti, analizzarli ossessivamente, commentare e controllare le emozioni, allontanare le persone o tirarle cronicamente verso di sé, essere troppo dipendenti o mostrare indifferenza, soddisfare continuamente gli altri, elemosinare affetto e attenzioni, ricattare emotivamente, fuggire l’intimità, ingigantire le emozioni, assorbire i sentimenti altrui, sensualizzare ogni emozione.
  • Le emozioni celate sotto le strategie sono: la paura di essere abbandonato, di essere dipendente, di mostrare i sentimenti, la vergogna delle nostre emozioni, l’isolamento, il dolore per l’assenza di emozioni, i traumi affettivi, il timore degli aspetti erotici e più sensuali legati alla sessualità.
  • La caratteristica energetica del secondo chakra è quella di passare da un momento emotivo ad un altro in maniera molto fluida, di saper cambiare e seguire il flusso dei nostri sentimenti; questa caratteristica ci permette di passare dalla gioia alla tristezza o dalla rabbia all’ allegria, di essere sensibili, vulnerabili, di passare agevolmente da momenti di intimità con il partner a momenti di solitudine con noi stessi; di essere in contatto con il nostro bambino interiore che si meraviglia davanti ad ogni cosa in maniera gioiosa e spontanea; di essere sensuali ricettivi e curiosi.

LA DUALITA’:

una delle forze primarie che crea il movimento dell’universo è l’attrazione degli opposti, una forza che nasce in virtù dell’esistenza della dualità stessa; punto centrale del secondo chakra è quello di prestare attenzione proprio gli opposti.

  • Quali sono le qualità opposte alle vostre e come vi sentite riguardo ad esse?quali emozioni provate a rapportarvi a loro?(ansia, disagio, rifiuto, rabbia, paura oppure gioia, desiderio, invidia, felicità)
  • Che cosa reprimete dentro di voi? In che senso siete polarizzati?
  • Una delle polarità in cui maggiormente ci dibattiamo è quella maschile/femminile. quanto riconoscete ed apprezzate il vostro lato femminile? E quello maschile?

Prendetevi un po’ di tempo per riconoscere la vostra ombra, quella parte della vostra personalità che di solito respingete perché vissuta come spiacevole, indesiderabile o contraria ai dettami della società. La nostra ombra potrebbe essere quella parte di noi che è irritata, egoista, meschina, pigra, trascurata o altro ancora. Riconoscere quest’ombra non significa che dobbiamo necessariamente sottolineare queste qualità ma semplicemente riconoscere la loro esistenza, in modo che non si manifestino nelle nostre azioni quando meno ce lo aspettiamo.

  • Quale forma assumerebbe la vostra ombra se avesse totale libertà di espressione?
  • A quale tipo di sentimenti darebbe sfogo?
  • In quale maniera questi sentimenti influenzano la vostra vita quotidiana?

Le emozioni sono l’espressione energetica del secondo chakra, molti sperimentano la dualità nelle loro fluttuazioni emotive passando dalla gioia alla rabbia, dalla tristezza all’euforia. idealmente dovremmo essere in grado di passare da uno stato emotivo ad un altro in maniera fluida senza fissarci su uno solo perdendo così il nostro equilibrio.

  • Quanto variano le vostre emozioni fra un estremo e l’altro?
  • Quali sono i poli emotivi più comuni che sperimentate?
  • Trovano un equilibrio nel corso del tempo o vi lasciano in loro balia?
  • Quale potrebbe essere un espressione equilibrata di queste emozioni?

Idealmente il nostro essere interiore è il punto di incontro di tutte le nostre dualità e contraddizioni, nel secondo chakra lavoriamo per superare le polarizzazioni e raggiungere l’equilibrio, l’ideale integrazione tra tutte le emozioni senza negazioni o repressioni di sorta.

  • Quanto vi sentiti vicini a questo punto di integrazione equilibrata?
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...