Un colore a caso…il rosa

Oggi è venerdì e per una volta cerco di stare, più o meno, nel tema (quanto meno del giorno)…Il rosa è per antonomasia il colore del cuore, nel senso di quarto chakra, il simbolo dell’energia femminile, portatore di grazia, pace e buoni sentimenti…e per almeno vent’anni non sono riuscita a mettergli neanche gli occhi addosso, perché mi faceva venire la nausea, anche se in realtà non sapevo il perché!

Nel corso degli anni, oltre alla stregoneria, ho studiato cromoterapia, tutta quella materia che studia i benefici sul corpo e sulla mente, oltre che sulla psiche, dei colori, con tutte le loro caratteristiche archetipiche ed occulte…ho scoperto che il rosa, il colore quanto il fiore e il profumo del medesimo, rappresentano il legame con l’archetipo femminile di Afrodite, quella donna pesantemente condannata ed emarginata dalla società contemporanea perché anziché scegliere tra l’amore sacro e quindi la figura della vergine e l’amore profano, rappresentato dall’incantatrice, le tiene entrambe, mescolandole in qualcosa di estremamente potente, una donna che vive se stessa a 360°…generalmente donne e ragazze che hanno problemi con questo tipo di figura detestano il colore, praticamente in ogni sua sfumatura, il profumo e tollerando poco anche il fiore….resta un mistero del perché un colore così complesso e tutto sommato adulto venga considerato da secoli un colore “da bambine”.

Per anni ho lottato con le energie di questo benedetto colore, in realtà quello con cui facevo a pugni era la parte di me che il rosa rappresenta e che io rifiutavo come la peste; nella nostra società, in cui le donne sono praticamente maschi, accettare, amare ed integrare le proprie “debolezze” non è facile, veniamo spinte fin dalla più tenera età all’indipendenza e al successo, persino mia nonna che era nata negli anni ‘venti, mi diceva di non sposarmi e di scegliere la carriera…quando ho iniziato a lavorare con alcuni archetipi femminili, come Afrodite appunto, ma anche Maria o Kuan Yin, ho versato fiumi di lacrime, perché nel mio inconscio accettare quelle caratteristiche femminili che noi definiremmo da anni ’50 mi faceva sentire una perfetta “idiota” e tutto avrei voluto nella vita tranne che finire con un grembiulino a fare la pasta in casa!

Non avevo capito veramente un accidenti di niente, lavorare con l’energia del cuore, non costringe le donne a tornare nel medioevo, non le fa diventare delle oche giulive, non le priva delle loro capacità e dei loro talenti…non dico che adesso il rosa sia diventato uno dei miei colori preferiti, ma ho imparato ad apprezzarlo veramente tanto…è un colore davvero magico, che porta l’amore nella vita e nel cuore delle donne; la prossima volta che vi sentite tradite dall’amore (che di suo non tradisce nessuno) non litigate tra fucsia e ciclamino, regalatevi qualcosa di rosa e lasciatevi consolare da lui.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...