Alberi genealogici

Ieri mi è arrivato un commento a proposito di quanto deve essere stato bello crescere in una famiglia che pratica la magia o quantomeno conosce la magia da sempre; dipende dai punti di vista, anche perché nel mio caso non si parla di Wicca, versione come dire politicamente corretta, ma di stregoneria vera e propria con tanto di ritorsioni energetiche a carico dei discendenti, e in una famiglia che pratica la magia da 750 anni, i dati documentabili risalgono al 1350 circa, con tanto di libri e diari tramandati (negli ultimi 150 anni circa) , vi assicuro che le conseguenze rimaste non sono proprio poche!

Perché ho deciso di parlarne? Perché la magia non è una cosa con cui scherzare o da prendere sotto gamba, ora non sto dicendo che sono in grado di trasformare l’acqua in vino o i metalli in oro, ma semplicemente che più si è connessi con l’energia dell’universo, maggiore diventa la responsibilità di come decidiamo di usare questa energia; se pensate che solo una strega sia in grado di lanciare un incantesimo vi sbagliate di grosso, chiunque, in qualunque momento della sua vita quando investe una grande quantità di energia su una cosa o su una persona di fatto sta lanciando un incantesimo e se pensate che rabbia, invidia, paura, odio e gelosia non creino danni siete fuori strada, per la semplice ragione che gli esseri umani tendono a reagire, spesso senza prima pensare, creando una spirale discendente di energia negativa (per fortuna chi si concentra su questioni positive ed impara ad agire anziché a reagire fa esattamente il contrario, portando equilibrio nel sistema energetico, anzi spostando l’ago della bilancia); da questo particolare punto è partita la Wicca creando le sue regole, per creare un confine etico e morale, perché per l’energia come la usate non fa nessuna differenza e fino a quando non le diamo una forma o una direzione direi che lei tende a restare in attesa facendosi gli affari suoi. Chiunque può attingere alla fonte originaria e sfruttare il bacino energetico dell’universo, noi streghe non abbiamo l’esclusiva, siamo solo allenate ad attingere a grandi quantità e ad utilizzarle per migliorare noi stesse, possibilmente senza creare danni nell’ ecosistema formato dalle altre persone, perché se è vero che a una strega molte cose rimbalzano addosso (abbiamo un buon sistema di protezione) se iniziassimo a lanciare strali a destra o a manca per capriccio o per vendicarci non mancherebbero il bersaglio (quante persone si avvicinano alla magia per poter compensare gravi problemi di autostima credete ci siano in giro? Durano poco, tranquilli!)…ecco perché ci prendiamo la briga di lavorare così tanto su noi stesse, per evitare in un momento di rabbia di fare cose di cui poi ci pentiremmo….ho visto cosa è successo ai miei antenati per non avere seguito altra regola che non il profitto personale (anche io lavoro per me stessa e per i miei obiettivi, ma cerco di non far casini in giro!) senza minimamente considerare i danni o le conseguenze che certe decisioni scriteriate avrebbero lasciato; guardando l’aspetto positivo, posso dire che non tutte le famiglie magiche sono state sconsiderate come la mia nei secoli passati…per fortuna, perché prima o poi tocca pure di sistemare i loro casini!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...